lunedì 23 novembre 2009

Piccola storia...


La piccola Aurora era passata dal seggiolone ai primi passi con la sua bella dose
di cadute e ginocchia sbucciate, come succede a tutti i bambini.
In quelle occasioni di solito la mamma apriva le braccia e le diceva: «Vieni da me».
Allora lei andava a gattoni verso di lei, le saliva
sulle ginocchia e mamma e bambina si abbracciavano.
La mamma le chiedeva:
«Sei la mia bambina?». Piangendo, Aurora faceva «sì» con il capo.
Poi aggiungeva: «La mia dolce nespolina Aurora?».
La bambina annuiva ancora, ma con un sorriso.
E infine la mamma diceva: «E io ti voglio bene, sempre, in eterno e ad ogni costo!».
Dopo una risata e un abbraccio, la bambina era pronta per un' altra sfida.
Anche a cinque anni, Aurora continuava a ripetere la scenetta del
«Vieni da me» per le ginocchia sbucciate e i sentimenti feriti,
per scambiarsi il «buon giorno» e la «buona notte».
Un giorno capitò alla mamma di avere una giornataccia.
Era stanca, irritabile e stressata dall'impegno che richiede prendersi cura di un marito,
di una bambina di cinque anni, di due ragazzi adolescenti e del lavoro che svolgeva da casa.
Ogni volta che squillava il telefono o che suonavano alla porta arrivava del lavoro
che 1'avrebbe impegnata per un giorno intero e che doveva essere fatto immediatamente.
Raggiunse il punto di rottura nel pomeriggio e si rifugiò in camera per piangere in santa pace.
Aurora corse subito a cercarla e disse:
«Vieni da me».
Si accoccolò vicino alla mamma, mise le manine sulle sue guance bagnate dalle lacrime e disse:
«Sei la mia mamma?».
Piangendo la mamma fece «sì» col capo.
«La mia dolce nespolina mamma?».
Sorridendo la donna fece «sì» con il capo.
«E io ti voglio bene, sempre, in eterno e ad ogni costo!».
Una risata, un abbraccio e anche la mamma era pronta per la prossima sfida.
Chi ama sarà amato...

3 commenti:

lufantasygioie ha detto...

a pensarci,tu sei avvantaggiata con ago e filo,schemi,lavori di precisione,contare...quindi perchè non farci davvero un pensierino?
Questa storia è meravigliosa...dove l'hai sentita?Bella davvero,complimenti per le storie che pubblichi.
Baci Lucia

ALESSANDRA ha detto...

Questa storia mi ha toccato il cuore e qualche lacrima è sfuggita la mio controllo! Complimenti il tuo blog è molto bello!

Anonimo ha detto...

La storia sarà anche bella, ma non può essere illustrata con una foto senza autorizzazione dell'autore; E non ho intenzione di concedere il permesso visto il comportamento scorretto. Vi invito a togliere immediatamente la foto, o sarò costretto a segnalare il furto d'immagine alla polizia postale !